27 gennaio, Giorno della Memoria. “E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo”

You are currently viewing 27 gennaio, Giorno della Memoria. “E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo”

27 gennaio Giorno della Memoria

E’ avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire“.
Primo Levi

Nel Giorno della Memoria il pensiero ritorna al 27 gennaio 1945, quando furono aperti i cancelli del campo di Auschwitz-Birkenau e liberati i prigionieri detenuti sfuggiti agli ultimi atti dello sterminio nazista. La tragica vicenda della Shoah venne svelata al mondo e, contro ogni menzogna e mistificazione, il mondo seppe della fine atroce cui andarono incontro milioni di uomini e donne, colpevoli del solo fatto di essere ebrei, zingari, omosessuali o avversari politici.

Non dobbiamo mai dimenticare che l’Italia il 17 novembre 1939, con l’approvazione delle leggi razziali, aveva con ciò esplicitato la condivisione verso tale progetto razzista e di sterminio. 

Acquista per questo e per noi una enorme importanza il fatto che da vent’anni si è deciso di fare di questo un giorno di impegno antifascista e antirazzista per ricordare lo sterminio della popolazione ebrea ed ancor prima la vergogna delle leggi antiebraiche, e non dimenticare le persecuzioni verso chi si oppose a quel progetto criminale, combattendolo e avversandolo in ogni modo. 

Come in tanti altri Paesi, una moltitudine di iniziative si svolgono per ricordare e non rimuovere la memoria di tale tragedia con l’impegno e la speranza che ciò che è accaduto non abbia più a ripetersi. 

Con le modalità possibili, dovremo cercare le occasioni e i modi per mantenere alto il ricordo di quelle vicende così tremende, non per questo irripetibili ma la memoria, il ricordo vigile e attento di ciò che fu potrà contribuire ad una piena presa di coscienza perché non abbia più ad accadere.

Per approfondire:

Nota del Ministero dell’Istruzione per il contrasto all’antisemitismo a scuola >>

Linee guida per il contrasto all’antisemitismo nella scuola >>


Lascia un commento