Longevità e sessualità: la registrazione audio dell’incontro con Lidia Ravera e Giovanni Corona

Longevità e sessualità: la registrazione audio dell’incontro con Lidia Ravera e Giovanni Corona

Lunedì 4 novembre con l’evento “longevità e sessualità” si è
inaugurato il 1° Festival della longevità promosso da Auser Emilia Romagna. In
questa occasione la sala Scorsese del cinema Lumière di Bologna ha visto il
tutto esaurito con la presenza di 140 persone attente e interessate.

Gli interventi principali dell’incontro, tenuti dalla scrittrice Lidia
Ravera e dal presidente della Società Italiana Andrologia e Medicina della
Sessualità Giovanni Corona, hanno analizzato la sessualità nella terza età da
un duplice punto di vista: quello dell’immaginario culturale e sociale e quello
più strettamente medico-biologico.

Per Lidia Ravera, che ha creato una collana di libri d’amore con
protagonisti over 60 chiamata Terzo Tempo, il punto centrale di una riflessione
riguardante la sessualità tra i non più giovani è legato al persistere dei cliché
e degli stereotipi sulla vecchiaia radicati nella società, che colpiscono
principalmente le donne. Il sentirsi in dovere di conformarsi a un immaginario
giovanilistico che non lascia spazio all’espressione spontanea e libera di una
sessualità che ogni coppia, a ogni età, dovrebbe coltivare secondo i propri
tempi e desideri.

I molti benefici fisici e psicologici del sesso nella terza età sono stati
invece analizzati dall’endocrinologo Giovanni Corona, che ha evidenziato come
la sessualità, dopo una certa età, sia vissuta diffusamente in modo più intimo
e spirituale e meno finalizzato all’atto strettamente coitale. Questo aiuta a
mantenere una “socialità” all’interno della coppia che funge anche da
protezione nei confronti dei problemi cardiovascolari.
All’incontro hanno partecipato anche il presidente onorario dell’ARCI gay
Franco Grillini e Fulvio Colombo, andrologo e direttore del SSD del Policlinico S
Orsola-Malpighi
. Colombo ha sottolineato l’esistenza di una sorta di
“sessuofobia” diffusa da parte della popolazione maschile, riguardo
all’eventualità di rivolgersi a uno specialista. Questo fa sì che i pazienti
maschi si portino dietro patologie di tipo sessuale per molti anni prima di
trovare il coraggio di andare dal medico. E questo mediamente non succede prima
dei 50/60 anni, quando oramai problematiche banali si sono cronicizzate.

Al termine dell’iniziativa è stato offerto a tutte le persone presenti un
buffet predisposto dal Forno Brisa.
Dopo il successo della giornata, si apre lo spazio per i prossimi appuntamenti
in calendario su tutto il territorio dell’Emilia Romagna a partire dal 12
novembre su “Forme di abitare solidale” che si terrà alla Sala
Auditorium della Regione ER in Viale Aldo Moro 18 dalle 9,30 alle 13.30.

L’audio integrale dell’incontro

Due brevi interviste video a Lidia Ravera e a Giovanni Corona

Lidia Ravera

"L'eros e la seduzione sembrano finire con la vecchiaia solo perché abbiamo in mente stereotipi negativi, che colpiscono soprattutto le donne": le riflessioni della scrittrice Lidia Ravera all'incontro su sessualità e longevità.

Pubblicato da Auser Emilia Romagna su Mercoledì 6 novembre 2019
Giovanni Corona

La sessualità è diversa nelle varie fasi della vita, e non bisogna medicalizzarla: le riflessioni di Giovanni Corona, endocrinologo, all'evento su sessualità e longevità.

Pubblicato da Auser Emilia Romagna su Mercoledì 6 novembre 2019

Lascia un commento

Chiudi il menu