Si è svolta a Cattolica la Conferenza di Organizzazione Auser regionale dell’Emilia Romagna. Presentati i dati e numerose novità

Si è svolta a Cattolica la Conferenza di Organizzazione Auser regionale dell’Emilia Romagna. Presentati i dati e numerose novità

Si è svolta a Cattolica il 16 e il 17 maggio la Conferenza di Organizzazione Auser regionale e volontariato che ha visto la partecipazione numerosa di tutte le realtà territoriali. Durante l'incontro sono state approvate importanti modifiche allo Statuto, sono stati presentati i dati sulle sue attività.

Nell'ultimo anno a livello regionale sono stati impiegati 12.200 volontari che hanno svolto la loro attività nell'accompagnamento sociale e in un centinaio di altre iniziative di volontariato civico nei musei, nelle biblioteche, negli orti sociali, nel sostegno agli immigrati, nella formazione degli adulti, nel turismo sociale.
Con 283 automezzi i volontari Auser hanno percorso 6.486.735 chilometri in un anno per accompagnare persone soprattutto dal proprio domicilio alle strutture sanitarie, impiegando, in questa attività, 949 mila ore di volontariato. Complessivamente le ore di volontariato nelle varie attività hanno superato i 5 milioni di ore.

Nel campo della promozione sociale hanno partecipato 12.620 persone a corsi e seminari nell’educazione agli adulti, 2.160 alle visite culturali, oltre 13 mila al turismo sociale.
Nell'ambito dell’inclusione degli stranieri sono stati coinvolti 336 migranti rifugiati e richiedenti asilo nelle attività di volontariato. Tra le azioni di solidarietà internazionale, ricordiamo anche l'ospitalità data nei mesi estivi ai bambini del Saharawi in collaborazione con la Regione Emilia Romagna.
Sempre nell'ultimo anno, sono state firmate 587 convenzioni con Enti Pubblici per un valore finanziario di 9.622.281 euro.

Sul piano del tesseramento invece i soci Auser a tutt'oggi sono 34.199, il numero più alto nella storia dell’Emilia Romagna e il 56% degli iscritti sono donne.

Vi sono poi state altre iniziative del tutto particolari promosse direttamente da Auser regionale assieme ai territori, come la raccolta di fondi per l'acquisto di 3 auto Panda che sono poi state donate ai circoli Auser delle zone terremotate di Marche, Umbria e Lazio. Nel contempo è proseguito per il terzo anno consecutivo il progetto, condiviso con l'Ufficio scolastico regionale, di contrasto alla povertà educativa nelle scuole primarie, "Diritti al futuro".

Grazie alla collaborazione di Gianluigi Bovini, demografo e statistico, è iniziato un lavoro relativo all’andamento demografico in Emilia Romagna, dal titolo “La sfida della longevità” che ha portato a un'innovativa campagna di sensibilizzazione sulla mancanza di ascensori in edifici di tre o più piani, che porta sempre più persone all'esclusione sociale.
Il passo successivo è stata la realizzazione di un libro frutto della ricerca che ha visto coinvolto il gruppo dirigente Auser dei territori e dello Spi con seminari che hanno portato ogni partecipante a immaginare la propria vita nel 2032. Sulla base di quel saggio sono stati interpellati degli esperti che hanno contribuito alla redazione del libro “2032: idee per la longevità”.
Infine sempre nell'ambito di questo progetto è stata realizzata la rassegna cinematografica “La buona longevità” fatta in collaborazione con la Cineteca di Bologna.

Nell'autunno del 2019 vi sarà il “Mese della longevità” in cui si svolgeranno una serie di iniziative e sarà un’occasione per festeggiare i 30 anni di Auser e di contribuire a progettare il futuro, perché la longevità non è cosa solo per anziani ma una scelta culturale.

Per contatti
Auser Emilia Romagna
tel. 051/294774
er_auser@er.cgil.it

 

Lascia un commento

Chiudi il menu